Entrate - Pagateci quanto dovuto!

Roma -

Abbiamo scritto all'Agenzia delle Entrate per sollecitare la definizione degli accordi per l'anno 2015 e 2016.

 

Le Lavoratrici ed i Lavoratori hanno il diritto di ricevere quando dovuto per il lavoro svolto nel 2015 e 2016.

 

Questo il testo della lettera inviata che trovate in allegato sul nostro sito:

 

"La scrivente organizzazione sindacale chiede l’immediato pagamento di quanto dovuto a tutto il personale relativamente ai fondi del 2015 e 2016.

 

Chiede una solerte convocazione per l’apertura di un tavolo di confronto sulla ripartizione del Fondo 2015. Crede, infatti, che dopo gli accordi siglati l’8 novembre 2017 sui criteri di destinazione delle somme del comma 165 e della quota incentivante anno 2015, importi che non sono ancora giunti nelle tasche delle lavoratrici e dei lavoratori, tale ripartizione sia ormai non più procrastinabile. Crede che i lavoratori dell’agenzia delle entrate non possano continuare ad essere trattate come la “pecora nera” della pubblica amministrazione e ricevere il salario accessorio dopo ben tre anni.

 

Inoltre essendo disponibili anche le somme del comma 165 del 2016 e la quota incentivante, sempre relativa allo stesso anno, chiede anche per questa annualità l’immediata definizione degli accordi necessari per far ricevere quanto dovuto ai lavoratori. Tra l’altro dopo la firma dell’acconto sul compenso accessorio per il raggiungimento degli obiettivi 2016 del 7 novembre 2016 e dopo la solita e inutile dichiarazione congiunta tra amministrazione e CGIL CISL UIL E SALFI, in cui si dichiarava che le parti si sarebbero incontrate entro giugno 2017 per una nuova intesa per un secondo acconto, incontro ovviamente mai avvenuto, crediamo che sia opportuno un accordo complessivo del fondo 2016."

 

 

 

USB Pubblico Impiego - Agenzie Fiscali