Un DPCM che va e un DPCM che viene…. anzi che va riscritto

Roma -

Finalmente ci siamo.

L’atteso DPCM che autorizza la definitiva stabilizzazione dei 7000 precari storici della P.A., fra cui i 1518 Lavoratori a tempo determinato dell’Agenzia dell’Territorio, verrà emanato nei prossimi giorni, come ci aveva anticipato, dopo nostre  insistenti richieste, il Ministro della Funzione Pubblica Nicolais nell’ incontro del 17 Aprile scorso a Palazzo Vidoni.

Negli ultimi giorni molti colleghi LTD si erano allarmati per un blocco della registrazione del decreto da parte della Corte dei Conti dovuto ad un vizio di costituzionalità dell’atto che, a quanto pare, è stato superato aprendo così la strada per la registrazione e la seguente  pubblicazione in Gazzetta Ufficiale …

A quel punto toccherà ai vertici di Largo Leopardi attivare immediatamente  le procedure automatiche di assunzione nei propri ruoli dei Lavoratori precari, mettendo fine ad oltre otto anni di aspettative che hanno visto quest’ultimi con un duro lavoro e un alto grado di professionalità contribuire sostanzialmente al recupero dell’efficienza  del Catasto Italiano.

Ora a questi Lavoratori spetterà, insieme a tutto il personale a tempo indeterminato e speriamo supportati dalla totalità delle Organizzazioni Sindacali,  il duro compito di difendere con tutte le proprie forze l’Agenzia del Territorio affinché non venga smembrata, per non ripiombare di nuovo  in un futuro senza certezze.

 

Per questo nei prossimi giorni chiederemo a tutti di prepararsi alla mobilitazione  affinché anche il DPCM sul Decentramento delle funzioni Catastali rispetti la legge Finanziaria cosi come è stato per quello dei Lavoratori precari.

Oggi è importante garantire tutti i lavoratori del Territorio, e proprio con questa finalità abbiamo sollecitato il Direttore del Personale ad adeguare nel più breve tempo possibile le retribuzioni derivanti dalla progressione economica e quella tra le aree.

Il dott. Imbucci ci ha garantito il pagamento delle procedure di passaggio tra le aree entro il mese di maggio e delle progressioni economiche entro giugno.

Anche per quanto riguarda il pagamento della professionalità 2006 ci è stato assicurato che l’Agenzia avrà la possibilità di liquidare entro luglio………manca solo l’accordo sindacale, che, in questo momento di incertezze,  assume un particolare significato.

Noi siamo pronti.