Entrate - Progressioni Economiche e Fake News

Roma -

Dopo l段ntesa siglata da CGIL, CISL, UIL, SALFI e FLP i comunicati sindacali stanno alimentando due gigantesche fake news.

La prima che l段nvestitura divina del 7% sarebbe ininfluente perch passano tutti: l段ntesa programmatica sottoscritta da tutti i sindacati eccetto l'USB, stabilisce che, nel 2017, saranno stanziate risorse per 17.750 passaggi, nel 2018 risorse per 9400 passaggi ed il resto delle risorse per completare la procedura nel  2019, ma l誕ccordo vero e proprio, riguarda solo il 2017, quindi chi in questi giorni va propagandando che la valutazione del 7% sarebbe ininfluente perch passano tutti mente sapendo di mentire: la realt che ad oggi sono 17750 le progressioni sicure, delle quali il 7%, al di l dei titoli e dell'anzianit, beneficer della progressione perch cos decider il dirigente di turno!

L段stituto delle progressioni economiche nato per riconoscere ciclicamente la professionalit acquisita da tutti i lavoratori sul campo, viene, quindi, snaturato e trasformato nell弾nnesimo istituto premiale per una parte del personale. Con i nostri soldi, l誕mministrazione sceglie i suoi eletti!!

La seconda che la decorrenza della progressione sar dal 1 gennaio 2017: in questi anni si consolidato (purtroppo) un orientamento della Funzione Pubblica che impedisce il pagamento degli arretrati, se non dal 1ー gennaio dell'anno in cui viene completata la procedura. Conseguentemente verosimile che la decorrenza sar 1ー gennaio 2018 e che anche le altre due annualit siano destinate a slittare. Cgil, Cisl, Uil, Salfi e Flp lo sanno benissimo ma per rendere pi digeribile un accordo davvero indigeribile devono provare a mischiare le carte.

Era proprio per evitare di perdere una annualit (2017) che per mesi l旦SB ha sollecitato la chiusura di un accordo in tempo utile per completare la procedura nel 2017, polemizzando anche aspramente con quel fronte sindacale che, invece, nel mese di marzo ha interrotto colpevolmente il negoziato sulle progressioni economiche!!!

Giusto per non farsi mancare nulla, la procedura inoltre congeniata su tre fasce di brunettiana memoria: la prima riguarda il 7% degli eletti scelti arbitrariamente dalla dirigenza, la seconda tutto il personale potenzialmente meritevole del passaggio economico in base all弛rdine di graduatoria, e l置ltima riguarda coloro che nei due anni precedenti hanno riportato sanzioni disciplinari per insufficiente rendimento oppure sanzioni per altre fattispecie superiori al rimprovero scritto; questi ultimi non hanno titolo alla progressione economica.

Due domande sorgono spontanee: perch allora inserirli nella graduatoria e additarli alla gogna generale? E perch se il nostro contratto integrativo all誕rticolo 16 comma 6 prevede l弾sclusione dal beneficio della progressione per coloro che hanno conseguito sanzioni superiori alle 4 ore, accanirsi con coloro che hanno conseguito una sanzione ben inferiore rispetto alla previsione contrattuale in una amministrazione nella quale si frequentemente fatto uso e soprattutto abuso dello strumento disciplinare?

Crediamo che la risposta sia semplice: il clima di caccia alle streghe nei confronti dei lavoratori deve emergere non solo in ambito contrattuale ma anche in ogni accordo di comparto. Che l誕mministrazione instauri questo clima nei posti di lavoro lo troviamo profondamente irrispettoso nei riguardi del personale, che poi questo sia avallato dai soliti sindacati davvero scandaloso!

USB Pubblico Impiego - Agenzie Fiscali