SALARIO ACCESSORIO - questo sconosciuto, 2 puntata: LA PARTE FISSA

Roma -

Dopo aver già analizzato la parte variabile, in questa seconda puntata analizzeremo la parte fissa, ovvero quella parte con caratteristiche di certezza e stabilità nel tempo che può essere utilizzata per retribuire importanti istituti contrattuali, primo fra tutti le progressioni economiche.

 

Nel 2004, in occasione della stipula del primo CCNL Agenzie Fiscali, attraverso la mobilitazione dei Lavoratori riuscimmo a raggiungere l’obiettivo di stabilizzare il 50% della produttività prevista dall’art. 59 del d.lgs. 300/99; una parte di queste risorse andò a finanziare l’aumento dell’indennità di amministrazione.

 

La maggior parte delle somme fisse restanti ha, da allora, finanziato le procedure di progressioni economiche e, purtroppo, gli incarichi di responsabilità.

 

 

Il problema è che non è stato previsto nessun meccanismo significativo di alimentazione di queste risorse fisse (fondamentalmente l’unico meccanismo è che ritorna nella disponibilità del fondo la quota precedentemente impegnata per finanziare i passaggi dei colleghi che vanno in pensione), e quindi presto terminerà la disponibilità di queste. Quando?

Come si evince dal grafico quel momento si avvicina pericolosamente … per questo oggi più che mai, se vogliamo garantire un futuro alle progressioni economiche, è necessario:

1.    liberare risorse fisse ponendo a carico delle Agenzie la quota finora usata per retribuire gli incarichi di responsabilità;

2.   una nuova stabilizzazione di risorse variabili.

 

Recuperare salario, recuperare futuro attraverso la mobilitazione e lo sciopero nelle Agenzie Fiscali.

USB Pubblico Impiego - Agenzie Fiscali