Agenzia Territorio - Il buongiorno non si vede solo dal mattino...

Primo incontro con il nuovo Direttore centrale. Ai lavoratori servono risposte immediate.

Roma -

Il 10 settembre abbiamo incontrato il nuovo direttore del Personale dell’Agenzia del Territorio, dott. Massimo Pietrangeli al quale abbiamo illustrato le nostre richieste che, come indicato dettagliatamente nel precedente comunicato riguardavano gli sviluppi professionali di carriera dei lavoratori, con la richiesta di valutare i fondi disponibili per determinare il numero massimo di lavoratori da poter passare alla fascia economica superiore e la necessità di spingere la funzione pubblica a indire nuovi concorsi, con posti riservati, per i passaggi di Area, definendo nell’occasione la posizione degli idonei di precedenti concorsi. Tra le priorità richieste abbiamo sottolineato l’importanza di indire al più presto una graduatoria per la mobilità volontaria ferma all’Agenzia del Territorio da oltre un decennio e liquidare immediatamente un anticipo di 2.000 euro netti  pro capite come indennità di professionalità collettiva per il raggiungimento degli obiettivi di convenzione. Su queste due problematiche il nuovo Direttore si è reso subito disponibile fissando un incontro per il 23 settembre. Positiva è stata la scelta, sottoscritta anche da RdB, di lasciare decidere i criteri di ripartizione dei 100.000 euro raccolti per il terremoto abruzzese direttamente alle strutture territoriali dell’Agenzia del Territorio e ai rappresentanti dei lavoratori.

 

In programma è stata poi inserita la definizione dei profili professionali per tutti i dipendenti dell’Agenzia e la determinazione delle posizioni organizzative degli Uffici provinciali, Direzioni regionali e centrali. Anche  la volontà di realizzare un piano di formazione che coinvolga dirigenti, responsabili della sicurezza e lavoratori ci sembra positiva  e ancora di più quella  di eliminare il prima possibile dagli uffici periferici le situazioni anomale per la salubrità e igiene dei lavoratori e del pubblico. In risposta alla nostra richiesta di operare per dare maggiore autonomia all’Agenzia del Territorio nell’accertamento fiscale, aumentandone i poteri di verifica e controllo del territorio, ci è stato riferito che l’Agenzia sta compiendo un lavoro a livello istituzionale per accrescere la propria credibilità, rafforzando le varie potenzialità presenti all’interno della nostra struttura. Questo è un tema che RdB ritiene fondamentale per inquadrare correttamente le tematiche del federalismo fiscale e del decentramento che continuano ad essere un concreto rischio per il depotenziamento dell'Agenzia e lo svilimento della ricchezza professionale dei suoi lavoratori.

 

Esprimiamo una moderata soddisfazione per aver visto coincidere i punti di discussione fissati nell'agenda dell'Agenzia del Territorio con quelli da noi proposti. Il salario accessorio, la carriera, la sempreverde problematica della mobilità, insieme con i temi sociali e fiscali circa il ruolo che l'Agenzia è chiamata a svolgere nel panorama delle pubbliche amministrazioni, sono questioni che meritano un buon inizio ma che pretendono un rapido approfondimento. Per RdB il buongiorno non si vede solo dal mattino... Resteremo quindi vigili e continueremo a fare "pressing" sull’Amministrazione per ottenere quanto ci spetta. Ricordiamo a tutti i lavoratori e alla stessa amministrazione che la nostra organizzazione sindacale lunedì 14 settembre terrà un presidio presso il Ministero per la PA e l’innovazione in difesa delle carriere e del salario dei lavoratori. Noi facciamo la nostra parte, sempre dalla parte dei lavoratori.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni