CCNL Agenzie Fiscali: nessuna dignità senza diritti.

Roma -

 

 

Il nostro contratto, come già abbiamo scritto, è in una situazione di stallo. Le riunioni all’Aran sono stati incontri interlocutori in cui si è tentato di affermare il concetto che per avere aumenti salariali comunque irrisori è necessario rinunciare ai nostri diritti. Anche il diritto costituzionale di ogni cittadino di essere considerato innocente fino alla condanna definitiva può essere secondo l'Aran mercificato e piegato alla logica dello scambio. Così potrebbe accadere che un parlamentare continui a sedere in Parlamento malgrado una condanna definitiva e un Lavoratore del Fisco sia licenziato perché giudicato colpevole in primo grado di giudizio.

 

Ribadiamo i punti per noi irrinunciabili che devono essere inseriti in questo contratto:

 

o       aumenti tabellari superiori a quelli del biennio economico 2004/2005;

o       eliminazione della tassa sulla malattia;

o       indennità di amministrazione computata ai fini pensionistici in quota A;

o       riduzione delle fasce retributive e introduzione dell’indennità di area.

 

Ancora una volta saremo costretti a mettere in campo tutte le forme di lotta già sperimentate nella scorsa tornata contrattuale, ancora una volta raccogliamo i suggerimenti che ci arrivano da moltissimi posti di lavoro, e invitiamo i Lavoratori a mettere in atto le seguenti forme di protesta:

 

1.      votazione nelle assemblee della mozione allegata ed invio al Ministro della Funzione Pubblica, Luigi Nicolais (fax 0668997433) e a RdB (fax 067628233);

2.      volantinaggio all'utenza del volantino informativo allegato sulle ragioni della nostra protesta;

3.      affissione nei front office di comunicati che elenchino le nostre richieste;

4.      interruzione di qualsiasi forma di disponibilità al di fuori dei compiti d'istituto;

5.      astensione delle attività esterne in mancanza dell'anticipo della missione e rifiuto dell'utilizzo del mezzo proprio;

6.      rigida applicazione della normativa in materia di igiene e sicurezza, con particolare riguardo alla pausa di 15 minuti per ogni due ore di utilizzo delle apparecchiature videoterminali;

7.      trattazione al front-office di non oltre una pratica per utente;

8.      sospensione della procedura profilo utente;

9.      effettuazione di assemblee giornaliere, in orario di apertura al pubblico, sino alla soluzione della vertenza.

 

Non rinunciamo ai nostri diritti, lottiamo per la nostra dignità di Lavoratori.

 


Da questa pagina è possibile scaricare un volantino che può essere consegnato agli utenti, in cui spieghiamo le ragioni della nostra protesta. Chi vuole può servirsene per aprire un dialogo anche con i cittadini-utenti al fine di far comprendere il senso della nostra iniziativa.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni