Dogane - Fondo, progressioni e incarichi di responsabilità

Riflessioni “ad alta voce” sulla riunione del 7 dicembre in direzione centrale

Roma -

Fondo 2010 – E’ stato firmato l’accordo sulle risorse del Fondo per le politiche di sviluppo delle risorse umane e per la produttività dell’anno 2010.  Era un accordo le cui novità sostanziali erano già state delineate negli accordi del 30 dicembre 2010 e  del 23 giugno 2011, ma a cui mancavano le risorse del “comma 165”.  Gli aspetti caratterizzanti sono essenzialmente due: 7.5 milioni sono stati stanziati per le progressioni economiche con decorrenza 1 gennaio 2010, sparisce l’istituto della Rsp.  Per il resto ricalca il Fondo  2009 negli importi complessivi (200mila euro in più) e nel modo di ripartizione.

 

A titolo di produttività, d’ufficio e di agenzia, arriveranno in totale circa 20 milioni di euro di cui 3 sono stati già attribuiti a titolo di acconto. I restanti saranno messi in pagamento non appena l’accordo sarà certificato dagli organi di controllo, verosimilmente a febbraio. Mentre subito sarà messo in pagamento un acconto di 3 milioni  sulla produttività 2011.

 

Progressioni economiche - Ricordiamo che sono in ballo due procedure di sviluppo economico all’interno delle aree: una già avviata con decorrenza 2007-2008 e l’altra da avviare, con decorrenza 2010. Il meccanismo che era stato stabilito era che la conclusione dell’una era propedeutica all’avvio dell’altra in quanto chi vinceva la prima non poteva partecipare alla seconda. Il 13 dicembre ci sarà un’udienza riguardo ad un contenzioso che si è creato sulla prima procedura, se si giungerà a sentenza in tempi brevi la situazione si sbloccherà  confermando o rivedendo le graduatorie a seconda del merito del  giudizio. Se al contrario ci dovessero essere rinvii o tempi lunghi, già dalla prossima riunione bisognerà affrontare l’argomento e trovare soluzioni che sblocchino la situazione anche in attesa della definizione del contenzioso.

 

Incarichi di responsabilità - È stato firmato un nuovo accordo sugli incarichi di responsabilità, che aumentano di anno in anno. USB è profondamente contraria alla scelta che è stata fatta nel CCNI di finanziare queste figure esclusivamente a carico del Fondo.

 

Spieghiamo perché. All’epoca delle trattative sul primo contratto Agenzie Fiscali si era lungamente dibattuto sull’esigenza di riconoscimento economico a quelli che all’epoca venivano definiti dalle Agenzie  “funzionari chiave”, che ricoprivano ruoli giudicati strategici o particolarmente gravosi in termini di responsabilità. Si era anche riconosciuto l’interesse primario delle Agenzie a tale riconoscimento e per questo si era creata, sebbene in via sperimentale e nel limite del 2% dei funzionari di terza area, la figura della “posizione organizzativa” finanziata in gran parte con soldi “freschi” dalle Agenzie. L’iter delineato dal CCNL doveva quindi essere quello di concludere la fase sperimentale e dalla tornata successiva le Agenzie avrebbero avuto l’interesse a definirne il numero e  finanziarne i relativi importi.

 

Le cose sono invece andate diversamente, in sede di contrattazione integrativa è stata affiancata alla posizione organizzativa quella dell’incarico di responsabilità, del tutto simile tranne che per il sistema di finanziamento che è tutto a carico dei Fondi destinati al personale. E’ evidente a questo punto che le esigenze dell’Agenzia sono state soddisfatte senza alcun finanziamento aggiuntivo, che le Agenzie hanno gradito il regalo ricevuto dalle OO. SS. firmatarie del CCNI, e non hanno più avuto alcun interesse mettere a disposizione “soldi freschi” sulle posizioni organizzative che sono rimaste nel limite del 2%, del tutto residuali rispetto ai numeri degli incarichi di responsabilità.

Disagiata e Confine – Il punto all’ordine del giorno è stato rimandato alla prossima riunione.

 

Scarica il comuicato in fondo alla pagina.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni