Piemonte - Entrate L'Agenzia da che parte sta?

Torino -

L’Agenzia delle Entrate del Piemonte ha lanciato un’iniziativa populista e demagogica, pomposamente denominata, “operazione trasparenza”, con tanto di opuscoli e corollari propagandistici, senza preoccuparsi di informare e spiegare ai lavoratori interessati la stessa iniziativa.

 

In buona sostanza i soggetti economici interessati da controlli fiscali, con verifiche demandate ai lavoratori dell’Agenzia delle Entrate, potranno esprimere il loro gradimento sull’operato dei funzionari incaricati.

 

Già ora tutti i contribuenti, compresi quelli oggetto di verifica fiscale, sono tutelati da eventuali soprusi ed abusi dalle norme civili e penali nonché dalle disposizioni contenute nello “Statuto del Contribuente” che impone e delimita in modo preciso i diritti dei contribuenti ed  i doveri di chi esercita le funzioni di controllo.

 

Ma allora perché tale iniziativa?

 

A tutela di chi e per quali risultati ?

 

Senza aggiungere ulteriori considerazioni che sono anche alla portata di un innocente bambino, ci rimane però un senso di sbigottimento di fronte a tale iniziativa con modalità che, volutamente o no, rischiano di minare alla base il rapporto di reciproca correttezza, lealtà ed onestà tra i cittadini e il fisco.

 

Avvertiamo un’ostilità verso i funzionari che vogliono e devono fare correttamente  il proprio mestiere, così come un sostanziale ed indiretto ausilio a chi vuole continuare ad essere evasore e/o corruttore.

 

Un atto di buon senso sarebbe l’immediato ritiro di tale iniziativa con  un vero ed innovativo investimento in campagne di tutela e difesa delle professionalità esistenti capaci di fare vera lotta all’evasione se messi nella condizione giusta di operare.

 

Va da sé che nessuna difesa e tutela può essere immaginata per i disonesti, i corrotti e corruttori, almeno da parte nostra…..

 

Per un Fisco più efficiente è necessario che dal Piemonte, Emilia Romagna e da tutta l’Agenzia, arrivino ben altri segnali, con atti e fatti di fiducia verso i lavoratori.

 

Un reale investimento è l’immediato riconoscimento della dignità, troppe volte denigrata, così come il riconoscimento e la valorizzazione delle professionalità e il diritto alla carriera, ad iniziare, da subito, dalla possibile progressione economica per tutti e dalla esigibilità certa ed immediata del salario accessorio.

 

Scarica il comunicato e la nota unitaria in fondo alla pagina

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni