Toscana - Agenzie Fiscali, la manovra

Firenze -

Attacco gravissimo al lavoro e  alla democrazia

 

Il governo Berlusconi ( il più inetto, screditato e reazionario della storia della repubblica) presenta il conto della crisi provocata dalla dittatura finanziaria puntualmente alle classi lavoratrici e popolari:

Tagli devastanti ai servizi sociali (già ridotti all’osso dalla continua erosione della spesa sociale prodotta dalle finanziarie dell’ ultimo ventennio);

Aumento delle tasse con il taglio delle agevolazioni fiscali e l’inevitabile incremento delle addizionali regionali e comunali per effetto delle ulteriori riduzioni dei trasferimenti finanziari dello stato;

Massacro dei pubblici dipendenti  (il bersaglio più facile dopo anni di diffamazione), con decurtazioni retributive, blocco dei contratti, il  taglio della tredicesima, e  il rinvio della riscossione della buonuscita, in ultimo anche il possibile trasferimento coatto  per volontà dell’amministrazione.

 

Ma il governo non si limita a questo, e procede per una definitiva e strutturale modifica dell’assetto  costituzionale, dei diritti e del mercato del lavoro:

 

Introduzione nella costituzione del pareggio di bilancio che si tradurrà nei prossimi anni in una sistematica distruzione di quanto rimane dello stato sociale;

Privatizzazione obbligatoriaentro il 2012 dei servizi pubblici locali  di rilevanza economica  in totale dispregio della volontà di 27 milioni di elettori che con il referendum 1 avevano optato per la loro esclusiva gestione pubblica contro ogni intervento di carattere privato in tale ambito di preminente interesse collettivo;

 

Modifica dell’art. 41 che elimina ogni responsabilità sociale da parte delle imprese, il cui unico motore diventa il profitto scisso da qualsiasi regolamentazione legislativa e di carattere socio-ambientale;

Eliminazione di fatto dello statuto dei lavoratori, dell’art 18, del contratto nazionale e legittimazione retroattiva degli accordi separati firmati da Cisl e Uil a Pomigliano, Miraforiori e Grigliasco sancendo in modo definitivo e irreversibile il via libera alla flessibilità totale nel mercato del lavoro e il pieno dominio del capitale sul lavoro;

Soppressione delle feste del 1 maggio e del 25 aprile  altamente significative per l’identità’ e la cultura  operaia e  democratica.

 

E tutto questo senza toccare i patrimoni del 10% degli italiani che posseggono oltre il 50% della ricchezza nazionale, le spese militari, le inutile e dispendiosissime grandi opere ….etc.          

OCCORRE

       REAGIRE    REAGIRE    REAGIRE 

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni