Valutazione? Rimandata a ottobre!

USB chiede maggiore attenzione ai lavoratori di Prima Area

Ieri, 26 settembre, si è svolta una riunione tra OO.SS. e Amministrazione che aveva per argomento principale l’attribuzione delle risorse del Fondo per l’incentivazione anno 2011. La buona notizia è che si sono “scoperti” altri 145.000 di residui 2010 che si potranno erogare al personale in servizio al 2010 insieme all’incentivante 2011.

Per il resto abbiamo visto l’ennesima puntata della saga “valutazione delle prestazioni individuali del  personale di AAMS”  in cui da un lato c’era l’Amministrazione che quasi per dovere ha tentato di difendere la pagellina e dall’altro qualche organizzazione sindacale che invece sembrava farlo quasi per piacere.

Nella precedente, ed unica, riunione di fine maggio sul Fondo le parti non avevano firmato l’accordo perché si era ritenuto impossibile applicare uno dei parametri previsti dal CCNI (cioè la famosa “pagellina”) per tutto il personale in servizio, considerato che oltre la metà è transitato nei ruoli AAMS solo a marzo 2011 e che, in larga parte, non ha avuto modo, in alcuni casi anche per motivi logistici, di espletare al meglio le sue funzioni.

Ieri USB, ribadendo una contrarietà ideologica alla scheda di valutazione, ha chiesto  l’attribuzione di tutto l’ammontare, corrispondente a 1.623.000 euro , a tutto il personale senza l’applicazione della scheda oppure che il 10% delle risorse, (quelle per le quali il CCNI prevede la scheda), invece di congelarlo con tutti i rischi che questo comporta, fosse destinato al personale della I area che non ha potuto avere negli anni passati l’applicazione integrale del CCNL Agenzie Fiscali che prevedeva lo svuotamento della stessa.

Dopo una lunghissima discussione  abbiamo firmato un accordo che prevede la distribuzione del 90% della suddetta cifra con gli stessi criteri dell’anno precedente (cioè senza scheda), rinviando ad una riunione da tenersi entro il mese di ottobre l’esame delle modalità per l’attribuzione del restante 10%. Auspichiamo che questo impegno sia un po’ più serio di quello preso pochi mesi fa e siglato da AAMS e OO.SS, (esclusa USB) e disatteso clamorosamente.  Infatti  per far ingoiare ai lavoratori il rospo del pagamento del comma 165 utilizzando la ormai famosa pagellina, (ricordiamo che il CCNI la prevedeva solo per l’incentivante) si accordavano di incontrarsi entro il mese di aprile per rivederne l’impianto. Tale confronto ovviamente non c’è mai stato.

Ciò che è emerso nella discussione è che qualche organizzazione sindacale, seppure abbia affermato in campagna elettorale RSU che avrebbe fatto fuoco e fiamme per abolire la scheda, sembra invece non voler rinunciare in alcun modo ad esercitare il piccolo potere di sottoporre i lavoratori a quell’odiosa pagellina che negli anni scorsi li ha tanto umiliati, chiedendone quindi un  semplice aggiustamento. USB ha firmato questo accordo per assicurare ai lavoratori  una cifra considerevole del Fondo, vista anche la drammatica situazione economica che stanno vivendo.

Alla riunione è intervenuto il Direttore dei Monopoli  che  ha sottolineato la  straordinaria importanza dei nuovi compiti  dell’Amministrazione, aumentati in modo smisurato negli ultimi anni, cui si è riusciti a far fronte, visti gli ottimi risultati ottenuti, grazie all’impegno di il personale,  impegno che dovrà essere riconosciuto.

Per quanto riguarda l’accorpamento con l’agenzia delle Dogane il dott. Magistro ha evidenziato le notevoli problematiche esistenti ed ha dichiarato che le due amministrazioni sono in attesa dei decreti attuativi. E’ evidente che i lavoratori dei Monopoli non potranno essere trattati come i parenti poveri ma dovranno vedersi riconosciuti tutti i diritti dei lavoratori delle Agenzie Fiscali, compresi i passaggi d’area e un nuovo ciclo di progressioni economiche : questo il tema su cui ci dovremo confrontare nel prossimo futuro.

Scarica l'accordo in fondo alla pagina.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni