Marche - La RSU di Ascoli Piceno prende posizione contro l'ipotesi di accordo e contro i suoi firmatari

Ascoli Piceno -

Nonostante i numerosi segnali che giungevano dalla periferia e i loro baldanzosi proclami delle settimane precedenti nei quali si specificavano i punti “irrinunciabili”, per ottenere i quali dichiaravano che si sarebbero battuti “fino alla morte”, CGIL CISL e UIL decidevano di firmare “un’altra cosa” rispetto al mandato ricevuto.

Capiranno presto, se terranno fede al loro impegno di sottoporre a referendum l’ipotesi di accordo, che i dipendenti delle Agenzie Fiscali non condividono questa loro scelta: tengono troppo alla loro dignità di “civil servant” per svendersi per poche decine di euro……“lorde”.
 

Scarica tutto il documento in fondo alla pagina.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni