Veneto - Mozione per lo stralcio della parte economica votata dal Territorio di Padova

Padova -

I lavoratori dell'Agenzia del Territorio di Padova, riunitisi in assemblea in data 07.02.2008, hanno deciso all'unanimità di continuare lo Stato di Agitazione, rimarcando una situazione di assoluto disagio, a causa:

 

- del mancato rinnovo del contratto di lavoro per il biennio 2006/2007 e del quadriennio normativo   2006/2009, nonostante abbiano dimostrato professionalità e impegno costanti nel tempo, tanto da raggiungere e superare gli obbiettivi assegnati nel corso di questi anni, consentendo una proficua lotta all'evasione fiscale e collocando l'Ufficio ai primi posti per produttività ed efficienza;

- dell'attacco, da parte dell'ARAN, ad alcuni diritti fondamentali e costituzionalmente garantiti;

- della forzatura della presentazione del PDCM sul personale in materia di decentramento delle funzioni catastali da parte del sottosegretario, On. Grandi, alle OO:SS:, nonostante la crisi di governo e la mancanza di trasparenza nella valutazione delle delibere comunali.

 

I lavoratori dell'Agenzia, consci che:

 

- la situazione politica attuale rischia di far slittare l'approvazione del contratto a data da destinarsi;

- allarmati nel vedere che la loro situazione economica-salariale e sempre più penalizzata nei confronti dell'inflazione in continua crescita;

 

approvano la seguente MOZIONE:

 

Consapevoli della possibilità di scindere la discussione contrattuale in due parti, una economica, l'altra giuridica, ritengono oltremodo NECESSARIO, che l'ARAN e le OO.SS. approvino almeno il contratto lavorativo relativamente alla parte economica.

 

Fanno presente che qualora non ci sarà un riscontro immediato a tale richiesta nei prossimi incontri tra le parti, i lavoratori effettueranno una forma di lotta più dura e drastica, dando vita alle seguenti iniziative:

 

- rigido rispetto delle mansioni di competenza ( ogni diversa mansione dovrà essere richiesta con ordine di servizio );

- rigida applicazione della normativa su igiene e sicurezza, art.54 D.Lgs.626/94, pausa di 15 minuti ogni 2 ore di utilizzo dei videoterminali;

- trattazione allo sportello del front office di una sola pratica per biglietto emesso;

- indisponibilità all'utilizzo del mezzo proprio per qualsiasi attività esterna;

- indisponibilità a dare informazioni telefoniche;

- rigida applicazione della produttività e degli obiettivi programmati con riferimento all'anno 2005, ultimo contratto approvato.

 

I lavoratori si riservano di individuare ed attuare ulteriori forme di lotta se tale situazione di mancato riconoscimento dei loro diritti dovesse perdurare nel tempo.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni