694 all'alba... e il contratto aspetta ancora

I dipendenti delle Agenzie non vedono il becco di un quattrino

Nazionale -

Oggi, all’ARAN, abbiamo partecipato alla sessione di contrattazione per il rinnovo del biennio economico delle Agenzie Fiscali, scaduto da 693 giorni…

Sul piatto il 5,01 % di incremento… come sempre parliamo di incremento e non di aumento, perché se si incrementa il valore nominale dello stipendio, certo non si può dire che ci sia un aumento di valore, visto che l’inflazione vera, checchè se ne dica, è ben superiore agli importi di cui si parla.

L’ARAN ci ha raccontato che, secondo i sui calcoli, al personale spetterebbero mediamente 42,19 € dal gennaio 2004 a cui si aggiungerebbero 54,81€ dal febbraio 2005  e 15,90 € dal gennaio 2006… naturalmente lordi… anzi lordissimi, visto che per il meccanismo della no tax area, da noi evidenziato qualche mese fa, su parte di quei soldi finiremo, in pratica, col pagare due volte le tasse

In più, dopo due anni, l’ARAN (sotto stretta sorveglianza della parte politica) non è stata ancora in grado di dare risposte riguardo a tematiche ormai ricorrenti: il recupero dell’Indennità di Agenzia nella buonuscita, su cui, qualche giorno fa siamo andati a sollecitare l’INPDAP, l’aumento del valore dei buoni pasto, ottenuto nel contratto Ministeri, ma per noi, chissà perché, sembra difficile da avere, e, soprattutto, la questione della trattenuta in caso di malattia inferiore a 15 giorni.

Insomma, ci hanno detto che ci riconvocheranno non appena avranno risposte a questi problemi… che, come abbiamo detto, giacciono da due anni…

Ecco i risultati dell’accordo farsa stipulato a maggio a Palazzo Chigi… chi lo aveva sottoscritto aveva giurato e spergiurato che entro l’anno avremmo avuto aumenti ed arretrati… in realtà il Governo ha portato a casa, con quell’accordo, tagli al personale, licenziamenti dei precari e mobilità… ed in cambio ha dato pochi soldi, maledetti… e neppure subito.

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni