Linciaggio 2

Roma -

Ieri sera a Striscia la notizia è stato realizzato un servizio in cui si vedeva che al Catasto di Sassari i geometri si mettevano in fila dalle 4 di mattina. Un geometra intervistato affermava che la colpa dipendeva dallo sportello per l'accettazione degli accatastamenti (docfa) che spesso era uno soltanto a ricevere le pratiche di circa trenta geometri.

Guarda caso si parla di inefficienza del Catasto proprio mentre si sta aprendo un aspra discussione sul futuro Catasto e di un suo inutile, dispendioso e sperequato decentramento.

Ovviamente non si racconta degli atti che si presentano in Catasto e che sono registrati immediatamente, oppure del fatto che è possibile richiedere le informazioni (visure e certificati) e le richieste di correzione degli errori tramite internet.

Non si informa che in molte province è in atto la prenotazione degli appuntamenti on-line, che, anche nella provincia di Sassari, è dal mese di agosto che è stato attivato un servizio per  inviare gli accatastamenti dallo studio dei professionisti senza neanche recarsi in Catasto e che nessun professionista ha fatto richiesta per attivarlo, naturalmente il servizio è gratuito ed i programmi vengono forniti dal Catasto senza alcun costo.

Nessuno si preoccupa di spiegare che nonostante il blocco delle assunzioni, delle carenze di organico (a Sassari sono tra le più alte d’Italia) e di fondi il Catasto è riuscita ad eliminare 20 anni di arretrato e ad informatizzare completamente tutta la banca dati.

Non fa neanche notizia che tutto ciò è stato possibile grazie alla insostituibile professionalità e la sempre crescente produttività di tutto il personale di cui il 20% in stato di precariato da più di 8 anni e che i dipendenti catastali lavorano, comunque, con un contratto scaduto da 11 mesi.

Striscia la Notizia avrebbe dovuto fare un servizio per far conoscere i nuovi servizi che da qualche anno è possibile utilizzare sia dai professionisti (notai e geometri) che a tutti i cittadini; dei tempi di evasione delle pratiche che sono diventati, nel 90% dei casi, immediati o giornalieri e della possibilità per tutti di avere una visura catastale di qualsiasi parte d'Italia nel proprio catasto provinciale o addirittura a casa richiedendola via internet.

Per tutto questo ci sentiamo indignati ed offesi per il servizio denigratorio andato in onda che mette in risalto un piccolo problema (risolvibile nella maggiorparte dei casi con l'invio telematico della documentazione dallo studio del professionista) tralasciando gli enormi passi compiuti verso il cittadino ed i professionisti.

Questa è un'informazione errata ed incompleta che non solo non aiuta a capire e quindi a risolvere i problemi ma offende tutti i catastali che in questi anni si sono impegnati per dare un volto diverso alla Pubblica Amministrazione in cui lavorano con dedizione e passione.

SCIOPERO GENERALE NAZIONALE

17 NOVEMBRE 2006

per il tuo salario, per i tuoi diritti, ma soprattutto, per la tua dignità

Iscriviti a RdB/CUB. Ora. Prima che sia troppo tardi!


Per commenti o suggerimenti, scriveteci : In posta elettronica oppure Attraverso la rete intranet


Per ricevere in posta elettronica documenti e comunicazioni?CLICCA QUI -  iscriviti alla Mailing List


Per iscriverti alle RdB CUB e dare ancora più forza alla nostra voce: CLICCA QUI - scarica la scheda di adesione

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni